Muffin al profumo di mandorle


Questa ricetta avrebbe potuto avere un altro nome. Potevo chiamarla “Muffin al profumo di casa”. Gli odori delle mandorle, del cioccolato e dell’arancia presi tutti insieme mi ricordano la Sicilia. Le domeniche fresche d’autunno prima di Natale, passate in cucina a pasticciare con mamma e sorella, assaggiando tutto l’assaggiabile. La sensazione di attesa quando si sfornava la teglia e stavi per rompere il primo fragrante muffin e chissà se era venuto bene. Adesso li ho fatti qui in Spagna per Sammy, i muffin, e la fragranza che si è sprigionata quando ho scartato il primo appena sfornato è stata quasi la stessa. Per questo mi piace assaggiare i dolci ancora caldi. Hanno il profumo inconfondibile di quando ero bambina.
Questa ricetta ha subito molte modifiche nel tempo. All’inizio li facevamo con le mandorle e si chiamavano “tortine”. Poi abbiamo aggiunto le gocce di cioccolato per renderli più golosi. E alla fine il profumo d’arancia, che con le mandorle e il cioccolato ci sta benissimo. Volendo, per accentuarne il gusto, si può aggiungere della scorza d’arancia grattuggiata.

Accessori
teglia per muffin (oppure placca da forno e carta forno), mixer, frustino, 18 pirottini di carta per muffin.

Ingredienti
300 g di farina, 120 g di mandorle macinate, 180 g di zucchero, 120 g di olio di semi, 150 g di yogurt naturale, 3 uova, gocce di cioccolato fondente a piacere, 1 bustina di lievito per dolci, 3 cucchiaiate di liquore all’arancia o di acqua di fiori d’arancio, 1 bustina di vanillina, 1 pizzico di sale.


Procedimento
Spellare le mandorle in acqua bollente e tritarle finemente con il mixer. Aggiungere la farina, la vanillina e il lievito e miscelare bene. A parte sbattere con la frusta le uova con lo zucchero e un pizzico di sale. Unire l’olio e lo yogurt e continuare a sbattere. Poi aggiungere la miscela di farina e mandorle, le gocce di cioccolato e il liquore, amalgamando bene tutto.
Foderare una teglia bassa con della carta forno e disporvi i pirottini di carta (con queste dosi dovrebbero riempirsene circa 18). Oppure mettere i pirottini direttamente dentro i buchi dello stampo per muffin. Meglio spennellare le pareti dei buchi della teglia con un po’ di olio di semi, per evitare che i muffin si attacchino quando gonfiano. Riempire i pirottini più o meno fino a metà per evitare che in forno il contenuto trasbordi. Cuocere in forno preriscaldato per circa mezz’ora. Non sfornarli finché il forno non si raffredda, per evitare che si sgonfino.

Decorazione
Cospargere i muffin di zucchero a velo oppure renderli più lucidi e morbidi con uno sciroppo ottenuto scaldando sul fuoco per 5 minuti due cucchiate di zucchero semolato con 3 di acqua e una di acqua di fiori di arancio.

Adattamenti
Qui a Barcellona non ho ancora una cucina superaccessoriata. Per alcune ricette per ora devo improvvisare. Lasciamo perdere il forno che è proprio un disastro: non puoi nemmeno accenderlo sopra e sotto contemporaneamente. Allucinante. Prendiamo altri esempi, però. In questa ricetta occorre uno stampo per muffin (una di quelle teglie rettangolari con i buchi rotondi, per intenderci), ma non ne ho ancora acquistato uno, quindi ho rimediato con una classica placca coperta di carta forno su cui ho disposto i pirottini. Se li riempi troppo trasbordano, quindi meglio non andare oltre la metà. In più, qui a Barcellona non riesco a trovare un liquore all’arancia come quelli siciliani, quindi ho optato per l’acqua di fiori d’arancio.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *